Luxury is not a guilty passion
EN | IT
READING

Étourdissant: l’ultima frastornante collezione di ...

Étourdissant: l’ultima frastornante collezione di Cartier

Poche maison di alta gioielleria hanno l’invidiabile capacità di essere sempre avanguardiste pur riuscendo a mantenere quell’allure di lusso inarrivabile, quel sapore di classica ricchezza che le ha rese così terribilmente iconiche. È certamente il caso di Cartier che dal 1847, dai tempi della primissima boutique al numero 3 di rue de la Paix, si è imposto come uno dei marchi di riferimento del lusso mondiale. Chapeau per la casa francese che nel corso degli anni è riuscita a stupire con costanza il pubblico dei più blasonati acquirenti, creando collezioni al passo coi tempi e sempre in grado di suscitare stupore e meraviglia.

Cartier Étourdissant 01

Così si potrebbe riassume in poche parole il pensiero di chi, fortunato, ha avuto la possibilità di vedere con i propri occhi le più recenti collezioni, capolavori di oreficeria capaci di lasciare letteralmente l’acquolina in bocca. È cosi certamente per Étourdissant: bastano pochi sguardi per capire la scelta del nome, quanto più azzeccata: frastornante, sbalorditiva, sconvolgente (questa la traduzione). Come il sentimento che suscita l’insieme delle sue coloratissime pietre dallo sfavillante scintillio.

Racconta Arnaud Carrez, direttore marketing Cartier International: “L’ocra delle rocce, l’azzurro del cielo, il turchese o lo smeraldo del mare, le luci e le ombre dall’alba al tramonto riverberano negli oltre 120 pezzi della nuova collezione, grazie a nuovi accostamenti cromatici, forti e audaci. Forme libere e strutturate in cui riecheggiano ispirazioni vicine e lontane” [fonte Repubblica]. Parole da cui traspare ampiamente l’ispirazione alla natura della Costa Azzurra. Non è un caso infatti che come luogo di presentazione della collezione si sia scelto proprio Cannes, città simbolo della Riviera.

Simili a fuochi d’artificio, nei bracciali, negli anelli, negli orecchini e collier di Étourdissant, le pietre si accostano in un’esplosione coloratissima e carioca, dai più classici diamanti fino agli zaffiri, smeraldi e rubini.

1029355.png.scale.1000.high copia

1113081.png.scale.1000.high copia

Sulle opere in platino e oro guizzano però anche i colori di pietre più insolite e rare. Come i diamanti marroni e arancio degli splendidi serpenti d’oro che si attorcigliano in orecchini e collane, o il topazio imperiale di un pendente e l’intenso colore di un cielo serale degli zaffiri viola.

Un’iniezione di creatività e adrenalina che rende onore all’arte dell’alta gioielleria.

1070895.png.scale.1000.high copia

1055371.png.scale.1000.high copia

Cover credits: web (Google search)

www.cartier.it


RELATED POST

INSTAGRAM